Tatuaggi: ecco perché bisogna farli in numero dispari

Perché i tatuaggi non vanno mai fatti in numero pari? Ecco la motivazione che c'è dietro questa usanza e che risale addirittura ai primi anni dell'Ottocento

Tatuaggi: ecco perché bisogna farli in numero dispari

Quante volte abbiamo sentito dire che i tatuaggi devono necessariamente esser fatti in numero dispari? E soprattutto, qual è la motivazione che si nasconde dietro questo luogo comune? Contrariamente a quanto si possa pensare, non si tratta di una semplice superstizione ma, in realtà, c’è un significato molto profondo e antico dietro questa abitudine.

Pare, infatti, che tale usanza risalga ai primi anni dell’Ottocento e che nasca dalle abitudini dei marinai europei: questi, infatti, dopo essere entrati in contatto con l’arte del tatuaggio nelle isole del Pacifico, avevano cominciato a tatuarsi dei simboli “porta-fortuna” che fossero di buon auspicio durante i loro lunghi periodi in mare. 

I marinai, in particolare, facevano il primo tatuaggio prima intraprendere il viaggio, un secondo una volta giunti nel Paese di destinazione ed un terzo quando tornavano a casa dai propri cari. Ad ogni viaggio seguivano questa prassi, ed è per questo che l’obiettivo era quello di avere tatuaggi in numero dispari, dato che ciò significava esser tornati a casa sani e salvi. 

Bisogna precisare che il tatuaggio pre-partenza veniva fatto solo al primo viaggio, mentre ad ogni nuova destinazione e successivo ritorno a casa i marinai aggiungevano nuovi simboli sulla loro pelle. In realtà, un numero pari di tatuaggi non era necessariamente indice di cattiva sorte: è vero, significava non essere ancora tornati a casa, ma voleva dire al tempo stesso essere ancora in viaggio, alla ricerca e alla scoperta di nuovi orizzonti e soprattutto di nuove entusiasmanti esperienze. 

E’ per questo che oggi, sebbene l’usanza di fare tatuaggi in numero dispari sia piuttosto diffusa, essa non rappresenta una vera e propria superstizione. Molti, infatti, restano con un numero di tattoo pari finché non sentono di aver trovato qualcosa di veramente importante da imprimere su di sé a vita: il superamento di un momento difficile o il desiderio di immortalarne uno particolarmente bello che valga davvero la pena ricordare. 

I nostri video tutorial
Stefania Angela Ferrara

Cosa ne pensa l'autore

Stefania Angela Ferrara - Personalmente non ho tatuaggi, anche se non nascondo che in futuro mi piacerebbe farli. Credo, però, che il tatuaggio debba avere un significato profondo, che va ben oltre la moda o le tendenze del momento: la storia che c'è dietro il numero ideale di tatuaggi ne è, in qualche modo, una conferma!

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!