Yara Gambirasio, l’annuncio da brividi della mamma: cos’è successo

A distanza di tanti anni da quella tragica morte, la mamma di Yara fa un annuncio molto toccante. Si tratta di un giorno molto importante per lei, ecco cosa ha confessato.

Pubblicato il 23 maggio 2022, alle ore 11:33

Yara Gambirasio, l’annuncio da brividi della mamma: cos’è successo

Ascolta questo articolo

Sono passati più di 10 anni dal quel terribile omicidio. Per tanti mesi l’opinione pubblica fu sconvolta per la scomparsa di Yara Gambirasio, una ragazzina appena 13enne poi, purtroppo, ritrovata assassinata. Si è trattato di un delitto efferato per il quale fortunamente si è riusciti almeno ad ottenere giustizia, scovando l’assassino e condannandolo all’ergastolo.

A distanza di tanti anni da quel terribile caso di cronaca, la povera Yara vive ancora nei cuori di chi l’amava e le voleva bene. In particolare, la mamma della ragazzina ha voluto ricordare la povera figlia con un annuncio particolarmente toccante, in questi giorni si sarebbe celebrato un evento molto importante: ecco di cosa si tratta.

L’annuncio della madre

Lo scorso 21 maggio Yara avrebbe festeggiato il suo 25esimo compleanno. In questo giorno speciale i suoi genitori hanno voluto ricordare la loro amata figlia che, invece, rimarrà sempre come un angelo 13enne. Le parole della madre hanno commosso davvero tutti: “Era sempre allegra e sorridente. Ricordatela per chi era e per cosa sarebbe stata capace di dare agli altri, per la sua passione e le sue abilità. Non  per quello che le è successo”.

Yara aveva ancora una vita davanti a sè, era una grande promessa della ginnastica artistica ed era proprio in palestra che si stava recando quel tragico 26 novembre del 2010. Per diversi mesi scomparve nel nulla sino a che, purtroppo, nel febbraio del 2011 il suo corpo non fu ritrovato senza vita in un campo di Brembate. 

L’assassino fu individuato dopo tanti mesi di grandi indagini ed un lavoro molto complicato di comparazione del Dna. Infatti, per scovare il colpevole del delitto Massimo Bossetti, condannato nel 2014 all’ergastolo, fu necessario eseguire il test del Dna a 25 mila persone della popolazione locale. Sicuramente i genitori della povera Yara sono riusciti ad avere giustizia, ma nulla potrà restituire loro la figlia che tanto amavano.

I nostri video tutorial
Andrea Rubino

Cosa ne pensa l'autore

Andrea Rubino - L'omicidio di Yara Gambirasio rappresenta uno dei casi di cronaca più sconvolgenti della storia recente italiana. Si trattò di un terribile omicidio su di una ragazzina 13enne, consumato da un criminale per fortuna assicurato alla giustizia. Molto toccanti le parole dei genitori, che hanno ricordato la loro figlia come sempre allegra e sorridente.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!