Angela Celentano, a pochi giorni dall’avvistamento in Sud America arriva il comunicato del padre (1 di 2)

Ascolta questo articolo

Il tempo scorre inesorabile ma per il mondo degli scomparsi sembra essersi fermato al giorno che ha segnato l’inizio dell’incubo: quello dei genitori, dei parenti che brancolano nel buio, per lunghi interminabili anni, in attesa di conoscere le sorti del proprio caro, di cui si sono perse le tracce.

All’epoca dei fatti, suscitò grande clamore mediatico la scomparsa della piccola Angela Celentano, di soli 3 anni, di cui non si sa più nulla dal 10 agosto 1996, giorno in cui la bimba svanì nel nulla mentre si trovava in una gita, organizzata da un gruppo di preghiera, assieme ai suoi genitori e alle sue due sorelline sul monte Faito.

Da quel maledetto giorno sono trascorsi 26 anni e di quella bambina che oggi avrebbe 29 anni non si sa ancora nulla, nonostante i disperati appelli rivolti dai genitori e dalla sorelle, attraverso la trasmissione Chi l’ha visto che, da decenni, si occupa del complesso mondo degli scomparsi.

Sin dal giorno della scomparsa, i riflettori furono puntati sul luogo della scomparsa, perlustrato in lungo e in largo. Le ricerche scattarono tempestivamente, passando in rassegna le zone limitrofe al Faito ma della piccola nessuna traccia.

Intanto, papà Catello, mamma Maria, le sorelline Rosa e Noemi, oggi divenute due splendide ragazze, non hanno mai smesso di sperare che la loro Angela sia viva, in qualche parte del mondo.