Infermiera trova neonata fuori dall’ospedale: la scoperta sul corpo (2 di 2)

Ascolta questo articolo

Si tratta di una storia che fa rabbrividire, davvero agghiacciante, una storia di abbandono, culminata, per fortuna, in un modo positivo grazie ad un angelo in terra cui tutti noi dovremmo dire grazie. Ieri mattina, 30 agosto, nel parcheggio dell’ospedale San Gerardo, a Monza, un’ostetrica che si trovava in pronto soccorso ostetrico, poco dopo le 5:00, nell’uscire a prendere un po’ d’aria, è stata attirata dal forte pianto di un neonato, non riuscendo a capire da dove provenisse.

” Pensavo venisse dalla sala parto, poi sono andata verso il parcheggio e invece mi sono resa conto che il piano veniva dall’esterno. Poi ho visto quella scatola di scarpe”, ha dichiarato. La ragazza ha iniziato a cercare ovunque fino a quando, avvicinandosi ad una scatola di scarpe in cartone, poggiata sul cofano di un veicolo, vi ha rinvenuto all’interno il corpicino di una neonata, avvolta in una copertina a fiori azzurri, che indossava un pannolino, e ne aveva uno di riserva con la scritta “superstar”.

La piccola aveva ancora il cordone ombelicale attaccato e, per fortuna, stava bene. Stando alla prima visita effettuata dai medici dell’ospedale, di sicuro la neonata è venuta alla luce poche ore prima e, dato il pochissimo tempo trascorso dal parto al ritrovamento fortuito, la madre potrebbe essere una donna ricoverata all’interno della stessa struttura.

Ovviamente l’allarme è scattato tempestivamente e sul posto sono giunti gli agenti della polizia locale. Ovviamente, in queste ore, è caccia ai genitori e si cerca, soprattutto, di capire le motivazioni sottese all’abbandono della bimba. La piccola sta bene, è stata affidata ai servizi sociali e si trova ora alla fondazione “Monza e Brianza il bambino e la sua mamma”. Per lei è stato scelto il nome della sua salvatrice, Alice, e l’ostetrica che l’ha sottratta ad una morte orribile, spera che la piccola possa conservare il suo nome per sempre.

Appresa la notizia, in tantissimi hanno chiamato per poter adottare la neonata ma si tratta di una procedura lunga e complessa, in quanto sono in corso le indagini della Questura di Monza che si sta occupando del caso. Si tratta di accertamenti in cui dovranno essere vagliate le immagini delle telecamere di videosorveglianza e chi sia la madre che ha abbandonato Alice e che, pare, abbia tratti ispanici. Ovviamente vi è la possibilità di un ripensamento, ossia che colei che l’ha messa al mondo possa decidere di tornare sui suoi passi, tendo con se la figlia e occorre rintracciare i parenti della donna che possano occuparsi di lei. Solo dopo la certificazione dello stato di abbandono, Alice potrà essere adottata.

Scopri altre storie curiose