Credevano che il neonato fosse sano: poi guardano il cordone e restano senza parole! (2 di 2)

Credevano che il neonato fosse sano: poi guardano il cordone e restano senza parole!

Ci sono però casi in cui, nonostante tutta la gravidanza sia stata tranquilla e senza problemi di alcun tipo, giunti al momento del parto tutto sembra andare per il peggio.

Lo sanno bene i genitori del piccolo protagonista di questa storia che ha rischiato letteralmente di morire per una disattenzione dei medici.

La mamma, infatti, si era sempre sottoposta alle visite necessarie e prevista dal protocollo ed era certa che il suo bimbo stesse bene. La donna oggi vuole raccontare quello che è accaduto a lei ed al suo bambino.

Credevano che il neonato fosse sano: poi guardano il cordone e restano senza parole!

Per mettere in guardia tutti i genitori ha condiviso su un social network una foto che ritrae il suo piccolo subito dopo la nascita ed il particolare che ha sconvolto letteralmente i medici.

Dopo aver fatto nascere il piccolo, infatti, l’équipe medica presente in sala parto ha subito pensato al peggio dopo aver notato che il cordone ombelicale del bambino era letteralmente annodato.

Si tratta di una delle cause di morte più frequenti: il piccolo, infatti, muovendosi all’interno del grembo materno può causare un nodo al cordone che trasporta sangue ricco di ossigeno e sostanze nutritive al neonato.

Credevano che il neonato fosse sano: poi guardano il cordone e restano senza parole!

Nel caso in cui il nodo diventi troppo stretto al punto tale da ostacolare questo flusso, il feto nella maggior parte dei casi muore.

I medici avrebbero dovuto accorgersi di questo problema che affliggeva questo bambino e che avrebbe potuto farlo morire: in questi casi, infatti, la situazione va monitorata costantemente per intervenire con un parto cesareo in caso di emergenza.

La donna ha postato anche la fotografia del cordone annodato del suo bambino che per fortuna era sano e respirava correttamente e non aveva problemi di alcun tipo.

Scopri altre storie curiose