Chi l’ha visto, svolta Angela Celentano: “È stata adottata illegalmente, ecco dove sta” (1 di 2)

Ascolta questo articolo

Ci sono casi di cronaca che rimarranno per sempre impressi nelle nostre menti, come quello della piccola Angela Celentano, la bimba di 3 anni scomparsa, in circostanze misteriose, dal monte Faito, in provincia di Napoli.

In tanti ricorderanno le immagini delle persone radunate in quello che doveva essere il luogo di un semplice pic-nic domenicale, trasformatosi in un incubo per la famiglia Celentano che, ancora oggi, non si da pace e chiede si sapere tutta la verità che ruota attorno alla scomparsa della loro bambina.

Angela dopodomani compirà 29 anni e il tempo sembra essersi fermato al 10 agosto 1996,  quando ad un tratto qualcuno ha esclamato “Non vedo più Angela” e della  piccola non c’era più nessuna traccia. La sua storia è molto simile a quella di Denise e della sua mamma Piera Maggio, accomunando tutti coloro che si trovano nel limbo degli scomparsi, così come l’ha definito la Sciarelli.

Cosa è accaduto ad Angela? Sappiamo solo che il primo a lanciare l’allarme fu il padre Catello e l’ultimo a vederla fu Renato, un bimbo di 11 anni con cui la bimba di 3 anni scese lungo un sentiero che portava al parcheggio. Renato avrebbe dovuto riporre il suo pallone nell’auto di famiglia, sollecitando Angela a ritornare dai suoi. Ma nel ripercorrere il sentiero al contrario, di lei non c’era più alcuna traccia.

I soccorsi si attivarono subito, dato che sul monte c’erano 40 persone, oltre all’arrivo dei carabinieri di Vico Equense e delle forze dell’ordine ma nessuno, in tutti questi anni, tra segnalazioni e piste internazionali, è mai riuscito a riportare Angela viva ai suoi genitori che continuano a cercarla, a non darsi pace.