Vede la moglie sempre stanca. Poi capisce il perché. Davvero commovente! (2 di 2)

Vede la moglie sempre stanca. Poi capisce il perché. Davvero commovente!

“Perché infatti, poco dopo, si sveglia nostro figlio. Ed è qui che inizia la parte pesante della giornata, solo pochi minuti dopo la sveglia.”

Vede la moglie sempre stanca. Poi capisce il perché. Davvero commovente!

“Il piccolo infatti inizia subito a piagnucolare, perché ha fame (come lei, del resto, solo che lei non mangia: lo fa solo il piccolo). Poi lei si siede, inizia a giocare con lui, cambia i suoi disgustosi pannolini, poi gioca di nuovo, finché il piccolo non dorme nuovamente. Ottimo, può permettersi un riposino… E invece no! Bisogna fare il bucato, lavare le pentole che si sono accumulate dal giorno prima, fare le pulizie.”

Vede la moglie sempre stanca. Poi capisce il perché. Davvero commovente!

“Il bebé si sveglia di nuovo, e ha di nuovo fame, vuole pranzare: la mamma gli prepara il pranzo (mentre lei non ha ancora avuto il tempo di toccare cibo) e poi gioca nuovamente con lui, che richiede attenzioni continue.”

Vede la moglie sempre stanca. Poi capisce il perché. Davvero commovente!

“L’ordine e la pulizia fatti in precedenza non sono serviti a nulla, perché adesso i suoi giocattoli sono nuovamente sparsi ovunque. Ecco perché quando torno a casa io, mi capita di pensare che non ha fatto nulla! Invece questa donna si è fatta in quattro per fare in modo che nostro figlio stesse bene e fosse felice. Ecco, se qualunque altro papà là fuori si sente come me, si fermi per un momento a pensare a cosa ha fatto una mamma durante il giorno. Lei è un essere speciale, che ha sacrificato tutto per prendersi cura di vostro figlio.”

Questo tenerissimo post si conclude infine con una dichiarazione di amore: “Io amo veramente i miei due cuccioli addormentati, e si meritano veramente di riposare. Ti amo, Charlotte”.

Speriamo che possa essere un buon esempio per tutti i padri!

Vede la moglie sempre stanca. Poi capisce il perché. Davvero commovente!
Scopri altre storie curiose