“Sei la sposa più brutta del mondo”, lei decide di cambiare aspetto e oggi è irriconoscibile! (1 di 2)

Ascolta questo articolo

“La bellezza è negli occhi di chi guarda“, afferma il grande Oscar Wilde. In sintesi, ciò che una persona trova bello, forse per un’altra non lo è. Lasciando da parte discorsi bigotti, a chi non fa piacere riscuotere attenzioni per il proprio aspetto fisico, del quale si prende cura?

Quello che, a mio avviso, andrebbe contrastato, è lo stereotipo del bello, in quanto la diversità è patrimonio del nostro mondo. Insomma, chi ha detto che per essere belle occorre essere stangone, dal fisico scultoreo? Il mio è solo un esempio, ovviamente.

Senza andar troppo per le lunghe,  dato che il body shaming,  ossia il far  vergognare qualcuno per il proprio corpo, deridendone  l’aspetto fisico,  sta prendendo sempre più piede, occorre fermare questo fenomeno sempre più dilagante che si ripercuote sulle vittime, con conseguenze devastanti.

Il  bersaglio di queste critiche sull’ aspetto, per fortuna sanzionabili, sino alla reclusione, va incontro, molto spesso, a disturbi alimentari, stati depressivi, ansia e tutto questo va fermato.  Tante le conduttrici, le attrici, le modelle che, in tutto il mondo, si stanno battendo contro il body shaming  che consiste nel discriminare o deridere una persona, facendola vergognare per il suo aspetto fisico.

Una delle più accanite conduttrici che si batte contro questo triste fenomeno è la stupenda Vanessa Incontrada che, in tantissime occasioni, ha rivendicato il suo diritto di essere curvy, sino a scegliere di mostrarsi completamente nuda, nelle sue rotondità, nel 2002.  Vanessa ha scelto di rendere il suo corpo il veicolo per un messaggio: il diritto di ogni individuo a non essere giudicato, nonostante i pregiudizi siano duri da sradicare.