Mario Draghi, italiani su tutte le furie: notizia terribile per chi ha una casa

Trapelano brutte notizie dalla politica, quasi approvata la nuova riforma che sarà un vero e proprio macigno per gli italiani. Nuova stangata in arrivo: di cosa si tratta.

Mario Draghi, italiani su tutte le furie: notizia terribile per chi ha una casa

Ascolta questo articolo

Continua l’escalation di brutte notizie per gli italiani. Dopo due anni di pandemia estenuanti, lo scoppio recentissimo di una crisi umanitaria dalle terribili ripercussioni economiche, ecco annunciata la nuova batosta. Mario Draghi e il governo avrebbero in serbo una brutta sorpresa che coinvolgerebbe una grandissima fetta di italiani.

Approvata proprio ieri una nuova riforma che, sebbene non avrà ripercussioni nell’immediato, rappresenterà un vero e proprio macigno tra qualche anno. Non c’è pace, quindi, per gli italiani, visto che oramai è sempre più un lusso possedere anche una abitazione. Ecco i contenuti della nuova riforma e la batosta in arrivo.

Di cosa si tratta

Il governo aveva assicurato che nessuno avrebbe pagato più tasse. Tante promesse, purtroppo, disattese. Infatti, la nuova riforma del catasto si prospetta sempre di più come un nuovo salasso che, molto presto, peserà come un macigno sulle spalle di tutti. Si tratta di novità che si proiettano nel 2026, un futuro sempre più nero sotto certi punti di vista.

Secondo quanto lamenta Confedilizia, la normativa in via di definizione, prevede molto probabilmente una bella stangata già per la prima casa, in quanto, con i nuovi criteri, verranno qualificate come case di lusso, e perciò colpite dall’Imu, sempre più abitazioni: “Con i nuovi inquadramenti catastali, le modalità di individuazione delle abitazioni considerate “di lusso” potrebbero portare a risultati molto diversi dagli attuali, con l’inclusione nella tipologia “di lusso” di un numero maggiore di unità immobiliari”.

Questa terribile scenario, sarà operativo tra qualche anno, quando è molto probabile che si aggiungerà, infierendo pesantemente, alle conseguenze nefaste del Covid e della crisi umanitaria nell’Est Europa. Infatti, già ora, le atrocità in Ucraina costano all’Italia ben 41 milioni. Alla luce di queste considerazioni, si spera che, in occasione del nuovo incontro in commissione finanze della Camera per delineare questo disegno di legge sulla delega fiscale, saranno tenute in conto tutte le possibili ripercussioni economiche che la riforma del catasto potrà avere.

I nostri video tutorial
Andrea Rubino

Cosa ne pensa l'autore

Andrea Rubino - Speriamo che la politica sia ben conscia delle decisioni che sta per prendere nell'immediato futuro. Aggiungere nuove tasse agli impegni economici degli italiani, già provati da anni di crisi, può avere conseguenze nefaste. A mio avviso sarebbe auspicabile anzi andare verso la decisione opposta e ridurre sempre di più la tassazione.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!