Jennifer e Bill sono sposati e hanno due figli. Ma dietro a tutto ciò, si nasconde un’altra verità.. (1 di 2)

Ascolta questo articolo

Siamo nel 2022 ma sono davvero troppi i pregiudizi, i bigottismi, i tabù radicati nella nostra società; quella che si ritiene evoluta ma che, a malincuore devo ammetterlo, della parola evoluzione non è spesso nemmeno la percezione.

E questo non lo dico io, ma lo dimostrano i fatti. Lungi dai falsi moralismi e perbenismi, se ci troviamo al cospetto di una persona iper tatuata, con impianti sottocutanei, lingua biforcuta, qual è la reazione dei più?

Orrore, disgusto. Ma quella persona è un individuo che sta facendo quello che rientra nella sua libertà di disporre del proprio corpo come vuole. A cosa serve “attaccarlo”, “denigrarlo”. Certo, ad una valutazione estetica, si tratta di una persona diversa dalla massa, ma chi ci arroga il diritto di offendere?

Faccio questo esempio ma ne potrei fare altri mille. Pensiamo, ad esempio, ad una persona diversamente abile, ad una persona con delle menomazioni fisiche evidenti. Lo sguardo cade, inevitabilmente, su quello, senza voler sapere altro del suo vissuto e delle difficoltà incontrate durante la vita.

Poi si sono le persone affette da nanismo. Se un tempo venivano “utilizzate” (parola bruttissima che rispecchia la realtà, purtroppo) nei circhi, per far ridere la gente, di passi in avanti, siamo sicuri di averne fatti? Ancora oggi in tanti si chiedono: “Come fanno i nani a far l’amore con una persona di altezza normale?”. Ma ci rendiamo conto?