Cartonfoam, tutti i segreti per usarlo al meglio

Probabilmente lo conoscerai con un altro nome: lastre in spugna, polistirene pressato... ancora oggi non ho ancora ben capito quale sia il nome ufficiale. So che però è il mio materiale da costruzione preferito, e continuerò a chiamarlo Cartonfoam!

Pubblicato il 16 luglio 2022, alle ore 14:29

Cartonfoam, tutti i segreti per usarlo al meglio

Ascolta questo articolo

Ho scoperto per caso questo materiale, quando cercavo del cartone pressato. È stato amore al primo utilizzo! Leggero, infrangibile, resistente…appena l’ho avuto ho cominciato a pensare cosa farne! Oggi voglio spiegarti i vantaggi di lavorare questo materiale.

Secondo la descrizione ufficiale il Cartonfoam è una lastra di polistirene pressato racchiuso tra due fogli di cartoncino lucido. Secondo la mia versione è uno dei materiali con il più alto potenziale creativo mai visto prima!

Sono ormai dieci anni che utilizzo Cartonfoam per le mie creazioni, ho realizzato veramente di tutto. Però prima di mettermi all’opera,ho studiato bene il materiale, come tagliarlo, come incollarlo, cosa creare. Oggi voglio trasmettere a te ciò che ho imparato

Come tagliare il Cartonfoam

Innanzitutto c’è subito da mettere in chiaro una cosa: è polistirene, ma non il classico polistirolo: quindi metti via l’idea di tagliarlo con un filo caldo, non funzionerebbe perché ci sono 2 cartoncini che  racchiudono la schiuma, di conseguenza otterresti semplicemente del cartonfoam bruciacchiato.

Niente forbici, seghetti, archetti di nessun tipo: sono un semplicissimo cutter, meglio se a lama piccola.Non ti consiglio di acquistare cutter troppo professionali, per il semplice motivo che dovrai sostituire la lama spesso e volentieri. Infatti quando incidi il cartonfoam devi sentire la lama scorrere, come se stessi tagliando il burro.  Se senti attrito, significa che è da cambiare.

Il tipo di taglio cambia a seconda dello spessore della lastra: personalmente ho sempre usato solo quelle da 3mm e 5mm, ma esistono anche da spessori maggiori, fino a 10mm.  siccome ti parlo solo di ciò che ho realmente provato, ti darò qualche dritta per tagliare il 3 e il 5mm

Come tagliare il Cartonfoam 3mm

Innanzitutto opta per il 3mm solo per lavori un po’ più complessi: portachiavi decorati, piccole sagome, soggetti che abbiano intagli e bordi arrotondati. Il taglio deve essere deciso sulle righe dritte, per evitare di sfaldare la schiuma, e a più intagli per le parti più delicate. Ricordati che stai lavorando con schiuma di 3mm, anche solo appoggiando un dito rischieresti di schiacciarlo.  Il lato positivo è che difficilmente il 3mm si rompe se stressato dal cutter. al massimo può prendere una piega indesiderata, ma si può risolvere lasciando il lavoro a riposo, e rinforzando i bordi con colla vinilica.

Come tagliare il cartonfoam 5mm

Scegli il Cartonfoam 5mm per lavori con bordi semplici, o che debbano essere inarcati.  Va benissimo per sagome a grandezza naturale, o forme cilindriche, tipo le torri di un castello. Incidi prima il perimetro, e poi affonda sempre di più la lama, fino a praticare la completa asportazione del pezzo inutilizzato.  Fai sempre in modo che la lastra rimanga appoggiata al tavolo, o comunque su una superficie solida: a differenza del 3mm, il 5 se si piega, si spezza. 

Come incollare il Cartonfoam

La scelta della colla adatta è un bel problema, perché non esiste un solo tipo di colla che vada bene per tutta la lastra. Innanzitutto devi decidere cosa realizzare, in base a quello sceglierai quale adesivo usare.

  • Se devi creare piccoli oggetti come portachiavi con foto, rivesti la sagoma con una stampa adesiva in pvc trasparente e poi contorna il perimetro con la colla vinilica: in questo modo sarà più resistente e nello stesso impermeabile.
  • Se devi realizzare scatole a vista, utilizza la tecnica del riempimento: puoi tagliare un pezzo unico, incidere il perimetro dei lati, chiuderle la scatola e poi riempire i tagli con colla a caldo o, se ce l’hai, schiuma espansa. Quando sarà fredda,leviga per ottenere un’omogeneità con il cartonfoam: per evitare che la schiuma non sia dello stesso colore del cartonfoam, puoi sempre dipingere la scatola: ricordati che hai comunque due cartoncini su cui sbizzarrirti. 

Se invece devi incollare la parte piana con il taglio laterale, scegli o colla a pressione o colla a caldo, a seconda delle temperature. 

Cosa puoi creare con il Cartonfoam

Ci tengo a precisare che è un materiale utilizzato anche per il confezionamento degli alimenti, quindi puoi usarlo per preparare simpatici vassoi per le feste di compleanno, per cerimonie, scatole di qualsiasi forma, ma anche mobiletti con meccanismi di chiusura, sagome a grandezza naturale, orologi da parete e molto altro! L’unico limite è la tua fantasia! 

I nostri video tutorial
Maria Ronchi

Cosa ne pensa l'autore

Maria Ronchi - Scrivere questo articolo mi ha ricordato quante cose ho realizzato con il Cartonfoam: quando mi chiedevano cosa avrei usato per la cornice, o per gli addobbi, la risposta era "cartonfoam"! Avevo inventato il "cartonfoamismo". Effettivamente è un materiale troppo versatile per non sfruttarlo al massimo, e a differenza del normale cartone non subisce i cambiamenti di temperatura. Ovviamente deve essere materiale di ottima qualità, altrimenti si rischia di avere un lavoro poco resistente. Il mio primo lavoro risale a 10 anni fa, un cestino portacucito come quelli della nonna. perché fondamentalmente il cartonfoam puoi lavorarlo come fai con il legno. crea un mobiletto da scrivania, stampa una carta con texture legno, rivestilo, e ti sembrerà di avere realmente un mobile in legno!

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!