Meningite: il vaccino e gli antibiotici per stare al sicuro

In questi giorni, in Toscana, il problema emergente sulla salute è la meningite da meningococco di tipo C. Vaccinarsi è la prima cosa da fare e dichiarare i primi sintomi, ma come riconoscerli per tempo?

Meningite: il vaccino e gli antibiotici per stare al sicuro

La meningite batterica è una malattia molto aggressiva, anche fortunatamente non frequente. Sostanzialmente è “‘infiammazione del membrana che riveste cervello e midollo (meninge)“. Si trasmette attraverso la saliva, gli starnuti, i baci, lo scambio di posate, la condivisione di alimenti.

Una persona su dieci che si ammala, muore e tre riportano delle conseguenze permanenti come problemi all’udito, agli arti, alla vista, cinque-sei persone su dieci guariscono completamente. La possibilità di evitarla viene dai vaccini e nei casi di emergenza dagli antibiotici

Spesso  sono i portatori sani e asintomatici a trasmetterne i batteri che provocano la malattia: il meningococco, il pneumococco e l’emofilo. Questi batteri sono presenti nelle alte vie respiratorie (naso e gola) anche in chi è sano, ma può trasmettere, da persona a persona, il batterio attraverso le secrezioni respiratorie. I batteri che provocano la meningite fuori dell’organismo umano sopravvivono solo per pochi minuti.

Inizialmente non è facile riconoscere i sintomi e questo è il motivo principale per cui la diagnosi arriva troppo tardi. Nelle prime 10 ore in cui si è contratto il virus compare febbre, lo stato somiglia a quello influenzale. Poi comincia il mal di testa che con il passare del tempo diventa sempre più forte, quindi compare la rigidità muscolare e anche la febbre si alza di molto. I sintomi si fanno più dopo 20 ore: perdita di conoscenza, convulsioni e macchie sul corpo.

Sono i bambini piccoli e giovani le categorie più a rischio di contrarre la meningite, proprio per i contatti frequenti tra i coetanei. Tra i neonati la prognosi non è semplice. 

10 giorni dura l’incubazione, tempo in cui è necessaria la profilassi con una terapia antibiotica specifica. La possibilità di contagiosità è bassa, ma anche se rari possono originare focolai epidemici. Vaccinarsi mette al sicuro dalla malattia. Esistono vaccini contro meningite da Haemophilus influenzale di tipo B, dallo pneumococco e dai ceppi A, B, C, Y, W 135 del meningococco.

Il ceppo piu’ diffuso è il B, ma ora l’attenzione è puntata sul C, che in Toscana, nel 2016, ha registrato 24 casi, tra i quali 4 decessi. “Tutti con età superiore ai 10 anni perchè in Toscana il vaccino è stato introdotto tra quelli obbligatori dal 2005 per tutti i nuovi nati“, come riferisce Alberto Villani, responsabile Malattie Infettive del Bambino Gesù di Roma.

I nostri video tutorial
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!