La disbiosi: cos’è e come fare per risolvere il problema

Moltissime persone soffrono di gonfiore addominale, soprattutto dopo i pasti, percependo anche fastidio se non addirittura dolore e non conoscono le cause. Vediamo quindi cos'è la disbiosi e come è possibile prevenirla.

La disbiosi: cos’è e come fare per risolvere il problema

La disbiosi è un’alterazione – prevalentemente batterica – della microflora intestinale e si manifesta con fastidioso gonfiore addominale, soprattutto dopo i pasti.

Ci sono vari motivi per i quali molte persone sono soggette alla disbiosi; vediamo i principali.

Assunzione di troppe fibre

Dopo aver mangiato i cibi ricchi di fibre come i legumi e le verdure, gli alimenti integrali richiamano più liquidi nell’intestino provocando quindi un aumento di volume dei cibi con conseguente gonfiore addominale. Se, oltre alla sensazione di gonfiore, ci fosse anche un certo fastidio e/o dolore, allora vuol dire che la quantità di fibre introdotte è stata eccessiva perciò basterà ridurre la quantità di cibi contententi fibre per limitare il senso di gonfiore e non percepire più male. Una certa quantità quotidiana di fibre, però, è fondamentale per poter evacuare feci morbide e costanti nel tempo.

Bevande gassate, prodotti lievitati e lattiero caseari

Non fanno bene all’organismo neanche le bevande gassate, i prodotti lievitati come pane e pizza, ed i prodotti lattiero caseari come i formaggi; ad esempio, il burro ed i legumi aumentano la formazione di gas intestinale.

Per i legumi esistono in commercio dei prodotti naturali – come ad esempio l’alga Kombu – che aiutano in cottura ad assorbire tutte quelle sostanze che sono appunto la causa poi di aerofagia e gonfiore addominale.

Gli zuccheri

I cibi a base di zuccheri rapidi, come in generale tutti i dolci ed i prodotti raffinati, producono uno squilibrio della flora batterica, causando fermentazione intestinale e quindi gonfiore addominale. L’ideale sarebbe limitare – se non addirittura abolire – tutti i cibi contenenti glucosio, lattosio, fruttosio, saccarosio ed in più molto utile è aiutarsi con gli estratti di finocchio ed il carbone vegetale in polvere.

I medicinali

L’uso di alcuni antibiotici, soprattutto per un tempo prolungato, causano l’alterazione della flora intestinale causando quindi gonfiore addominale. Spesso il medico prescrive dei fermenti lattici proprio per ripristinare l’equilibrio batterico intestinale alleviando così il problema.

Infine, il gonfiore allo stomaco può essere evitato anche con l’esercizio fisico regolare, in quanto questo è il modo migliore per liberarsi di tale problema.

I nostri video tutorial

Cosa ne pensa l'autore

Sabrina Giorgi - Noi siamo quello che mangiamo - nota citazione - e secondo me non c'è niente di più vero. Non si può introdurre benzina in un'automobile diesel, stessa cosa quindi per il nostro corpo che è una macchina perfetta. Fondamentale quindi è capire come nutrirsi selezionando gli alimenti che ci fanno bene con molta cura ed in più abbinare sempre un po' di esercizio fisico costante e regolare, ovviamente in base alla propria età. Questo è l'unico modo per mantenersi in forma ed in salute.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!