Eliminare pasta e pane dalla dieta è decisamente dannoso

Secondo lo studio condotto da un gruppo di ricercatori statunitensi, pubblicato su "Annals of Internal Medicine", le persone che hanno scelto di escludere i carboidrati si ammalano più facilmente di tumore ed hanno più probabilità di avere problemi cardiaci.

Eliminare pasta e pane dalla dieta è decisamente dannoso

Gli esperti dicono che la carbofobia può mettere a rischio la nostra salute, non è salutare, occorre – sempre – mantenere un corretto equilibrio. Il consumo di pasta e pane non decreta l’aumento di peso, una dieta povera di carboidrati e ricca di proteine animali e zuccheri può divenire nociva per la nostra salute.

Un gruppo di ricercatori statunitensi ha pubblicato uno studio su “Annals of Internal Medicine”, che riporta gli esami effettuati su 130 mila persone che hanno scelto di escludere i carboidrati: si ammalano più facilmente di tumore ed hanno più probabilità di avere problemi cardiaci.

Dalla ricerca emerge che la percentuale di decessi fra i soggetti che consumano pochi carboidrati, prediligendo proteine animali, sale del 12%: chi eleimina la pasta per la carne ha il 14% di possibilità in più di morire di infarto e il 28% in più di ammalarsi di tumore.

I nutrienti dei carboidrati – chiamati anche zuccheri o glucidi – insieme alle proteine e ai lipidi o grassi, forniscono l’energia necessaria per l’organismo: contengono infatti l’amido, che si deposita sotto forma di glicogeno nei muscoli e nel fegato, divenendo la nostra riserva energetica. I carboidrati sono semplici e complessi: i primi – gli zuccheri – comprendono i monosaccaridi (glucosio, fruttosio, galattosio) ed i disaccaridi (saccarosio, maltosio, lattosio). I carboidrati semplici vengono assorbiti rapidamente dall’organismo fornendo energia istantanea.

I carboidrati complessi sono costituiti da più unità di monosaccaridi e richiedono una digestione impegnativa per essere trasformati in glucosio; vengono assorbiti dal nostro organismo lentamente e costituiscono la nostra “benzina”, fornendo energia gradualmente: sono la pasta, il pane, il riso e le patate, e i lavorati, come la farina bianca, i biscotti.

Rinunciare ai carboidrati semplici e a quelli complessi significa privare il nostro corpo delle giuste energie e fibre che permettono al metabolismo di funzionare correttamente. A sostenerlo sono anche la FAO (Food and Agriculture Organization) e l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità).

I nostri video tutorial

Cosa ne pensa l'autore

Chiara Lanzini - Un'alimentazione ove i carboidrati sono assenti è immensamente pubblicizzata da molte stars, che spesso illustrano al mondo le proprie diete con sconsideratezza e superficialità. L'ideale sarebbe dunque limitare gli eccessi, senza privarsi di pane e pasta. Ogni pasto - colazione, pranzo e cena -dovrebbe includere almeno una porzione, anche ridotta, di un carboidrato complesso.

Commenti
Elena Palatini

29 marzo 2017 - 11:12:44

Non è vero che i carboidrati ingrassino. Basta non eccedere

0
Rispondi
Elena Palatini

21 marzo 2017 - 16:25:02

Ma si sapeva che la pasta ed il pane

0
Rispondi
Elena Palatini

29 marzo 2017 - 11:19:17

...non ingrassano.

0