Sarah ebbe un ictus a 20 anni, il suo messaggio ha colpito tutti: “Non sottovalutate questi sintomi” (1 di 4)

Sarah ebbe un ictus a 20 anni, il suo messaggio ha colpito tutti: “Non sottovalutate questi sintomi”

L’ictus, noto anche come colpo apoplettico, è un incidente cerebrovascolare che interessa i vasi sanguigni che conducono il nutrimento al cervello. Le cellule cerebrali possono resistere poco tempo senza afflusso di sangue, e già dopo pochi minuti i danni possono diventare permanenti (per questa ragione pazienti rimasti in stato di asfissia per diversi minuti rischiano danni permanenti).

Sarah ebbe un ictus a 20 anni, il suo messaggio ha colpito tutti: “Non sottovalutate questi sintomi”

L’ictus può essere causato da due problematiche sistemiche distinte: la prima è relativa all’ostruzione del vaso interessato, in questo caso si parla di ictus ischemico (o ischemia), la seconda ad una emorragia che riduce l’apporto sanguigno alle cellule interessate (ictus emorragico). In entrambi i casi, la parziale o totale interruzione di nutrimento comporta la morte dei neuroni.