5 dure verità che riguardano molte donne quando si compra un costume da bagno (1 di 2)

5 dure verità che riguardano molte donne quando si compra un costume da bagno

Oramai siamo a luglio inoltrato, l’estate è iniziata ma molte persone ancora non sono soddisfatte del proprio fisico, sebbene abbiano pensato per lunghi mesi di iniziare a fare qualcosa per migliorare il proprio aspetto. Il problema è sempre quello, che ogni anno si ripete con impeccabile ciclicità: la prova costume. Andare in spiaggia significa infatti esporre il proprio corpo agli occhi di tutti, con tanto di eventuali difetti. Per questa ragione molte persone a volte si vergognano a togliersi i vestiti, se non si sentono in piena forma. Ma cosa accade quando una donna che non ha rispettato i suoi stessi buoni propositi va a comprare un costume nuovo?

5 dure verità che riguardano molte donne quando si compra un costume da bagno

Una delle cose più irritanti che possano essere esperite da parte di una donna che si è appena recata ad acquistare un nuovo costume, è la domanda: “Allora, ti senti pronta per la prova costume?”. A volte a farla sono proprio gli amici che hanno voglia di…morire domani, se sanno della sua destinazione e del suo scopo. Fatto sta che ha più o meno la stessa valenza di chiedere ad una persona che non ha studiato nulla se sia pronta per l’esame del giorno successivo. E’ una questione di principio: non si fa!

5 dure verità che riguardano molte donne quando si compra un costume da bagno

Un’altra verità decisamente scomoda è quella che riguarda le taglie, specialmente se nell’arco dell’anno solare avete messo su qualche chilo che non avete mai smaltito. Una donna che fino all’anno prima era abituata a comprare costumi di una certa misura, può essere contenta di dover alzare il target solamente se la cosa riguarda il pezzo sopra (e nemmeno in tutti i casi). Se vi sentite prese in causa, non crucciatevi: per l’anno prossimo saprete che non basteranno certo un paio di mesi di palestra per riuscire a smaltire i chili in eccesso.